Navigazione veloce

Didattica a distanza

SCUOLA INFANZIA

Lontani ma vicini

BEDUZZO   CORNIGLIO   MONCHIO   LAGRIMONE  TIZZANO

“Dalle Radici alle Foglie”

Narrando – Creativamente – Verso la Scuola Primaria
Insegnamento Religione Cattolica


Premessa

 

Lontani… ma vicini

La Scuola dell’Infanzia attribuisce grande importanza alla relazione educativa e ai metodi didattici, ma nel contempo riconosce e valorizza gli apprendimenti diffusi che avvengono al di fuori di essa, nei molteplici ambienti di vita in cui i bambini crescono e attraverso nuovi media in costante evoluzione ai quali essi partecipano in modi diversificati e creativi. Vista la grande importanza che il nostro Istituto Comprensivo conferisce alla Continuità Orizzontale tra le Scuole dell’Infanzia, le famiglie e il territorio, in questo momento così particolare e delicato, abbiamo sentito l’esigenza di creare una pagina per restare accanto ai bambini e alle famiglie proponendo attività ludico-creative comuni a tutte le Scuole dell’Infanzia. Mai come oggi è necessaria l’Alleanza scuola-famiglia, pertanto è fondamentale la vostra collaborazione, affiancando i bambini nelle attività proposte. La pagina è formata da aree tematiche dentro alle quali troverete suggerimenti che permetteranno ai bambini di vivere la scuola LONTANI … MA VICINI”.

 


 

Narrando

 

I NUMERI

 

SCOPRIAMO I NUMERI CON MAGO NUMERINO

 

MARINA L’APE SMEMORINA

Ciao bambini, sono Marina, soprannominata dai miei amici l’Ape Smemorina!
Volete sapere perché? Come ben sapete, a noi api piace moltissimo il nettare dei fiori.
Io avevo il mio fiore preferito. Era grande, alto e aveva i petali rossi: insomma era bellissimo!
Un giorno, però, uscendo dal mio alveare, mi sono scontrata con un’altre ape
e da quel momento ho perso la memoria! Non mi ricordo niente!
Sono disperata perché non riesco più a trovare il mio tanto amato fiorellino.
Mi aiutate a raggiungerlo? Aspetto le vostre indicazioni!

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Percorso_1

 

VIDEO INGLESE 1

 

VIDEO INGLESE 2

 

L’ALBERO GENEROSO

https://youtu.be/LPypGxJ3eJI

 

 

 

 

LE STRANE FORME

C’ erano una volta due forme, che erano diverse da ogni altra.
Un giorno si incontrarono, divennero amiche e cominciarono a raccontarsi i loro guai.
La prima, il cerchio, disse: “Quando mi metto in piedi, non posso mai stare tranquilla. Devo subito muovermi, e mi arrabbio tanto perché non riesco a stare ferma, nemmeno un attimo”.
L’altra, il quadrato, rispose: “Ah, questo non è niente. Io quando mi alzo in piedi, non posso mai andare da nessuna parte. Provo con tutte le mie forze, ma resto incollata al pavimento e non ci riesco!”.
“Sarebbe bello per me essere capace di stare in piedi ferma, almeno per un momento” disse il cerchio.
Il quadrato rispose: “Io darei qualunque cosa per essere capace di alzarmi e fare un giretto!”.
Il cerchio allora invitò il quadrato ad entrare nella sua forma a fare una passeggiata.
“Oh!” disse il cerchio dopo aver rotolato per un bel po’, “Ora sono stanco di girare, vorrei tanto potermi fermare, almeno un momento!” “Ti aiuterò io” rispose il quadrato.
“Mi farò più grande così tu potrai starmi dentro.” Il quadrato si allargò abbastanza da poter contenere in sé il cerchio, che finalmente poté stare un po’ fermo, senza dover sempre rotolare.
“Che bello, chiamami ogni volta che vorrai andare a fare un giretto!” – disse il cerchio –
“Grazie, tu invece chiamami ogni volta che ti vorrai riposare!”.
Nel paese delle forme abitava anche il triangolo, che volle sapere perché il cerchio e il quadrato stavano sempre insieme a giocare. Allora il cerchio disse al triangolo:” Vieni, salta dentro di me e ti faccio vedere!”.
Il triangolo che soffriva un po’ di mal di mare, cominciò a strillare:
“Fatemi scendere! Aiuto, cado, rotolo, mi gira la testa!”.
Il quadrato che aveva visto la scena rise così tanto che, quando il triangolo scese dal cerchio, non si arrabbiò ma cominciò a ridere pure lui.  

 

FACCIAMO YOGA  “Io respiro”

 


 

Creativamente

 

ORA TOCCA A TE

Prova a scrivere i numeri da 1 a 10  su alcuni cartoncini rettangolari,
anche facendoti aiutare da qualche adulto, ad ogni cartoncino conta
ed attacca tante mollette quante indicate nel numero sul cartoncino.

 

 

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_3

 

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_4

 

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_5

 

INGLESE 3

 

LA PRIMAVERA DELL’ARCIMBOLDO

 

 

Ora tocca a te! Puoi decorare la Primavera di Arcimboldo
o creare un ritratto con materiali naturali
(fiori, foglie, bucce di frutti o verdure…).

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Arcimboldo

 

 

 

LA NATURA E LA PRIMAVERA NELL’ARTE

 Come un vero pittore, rappresenta un paesaggio primaverile
con la tecnica che preferisci (tempera, matite, acquerelli…).

 

 

MAMMA NATURA

I COLORI DELLA NATURA

 

LE FORME

Colora il cerchio ed il triangolo con i colori che preferisci!
Colora il quadrato, nel quadrato sotto, unisci i trattini,
ed in quello a fianco unisci i puntini con delle linee per formare un nuovo quadrato.


Scarica l’immagine per la stampa: Cerchio

 

Scarica l’immagine per la stampa: Triangolo

Scarica l’immagine per la stampa: Quadrato

 

LA CANZONE DELLE FORME

 

 


 

Verso scuola primaria

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_6

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_7

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Immagine_8

 

Scarica l’immagine per la stampa: Distinguo le forme

 

Scarica l’immagine per la stampa: Scopro la forma

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Grande e piccolo

 


 

IRC 

 

LA PECORELLA SMARRITA

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: Pecorella

 

Colora il musetto e le zampine
poi incolla dei batuffoli  di cotone sul suo mantello.

 

CANZONE: IO HO UN AMICO CHE MI AMA

 

I SANTI

I Santi  sono esempi  di bontà, di fede e  di amore verso il prossimo,
persone da seguire per vivere e crescere negli insegnamenti di Dio.

 

SAN FRANCESCO

Ci ha insegnato ad amare la natura e tutte le creature,
perché in esse troviamo l’amore di Dio.

 

 

Scarica l’immagine per la stampa: San Francesco

 

Taglia tanti pezzettini di carta marrone e incollali sul saio
poi osserva dalla tua finestra le meraviglie della natura e aggiungile al disegno.

 

BERNADETTE

 

MARIA LA MAMMA DI GESÙ


Maria con in braccio il Bambino Gesù è un’immagine dolce e affettuosa
dell’amore più tenero e più grande.

Come si sta bene tra le braccia della mamma!
Così Maria ci accoglie tra le sue braccia e possiamo rivolgerci a lei come alla nostra mamma.
Possiamo farlo con parole che escono dal nostro piccolo cuore, 
con la bella preghiera dell’Ave Maria, con un fiore…

Il mese di maggio è dedicato a Maria mamma di Gesù e di tutti i bimbi del mondo.